Dallo stesso autore di questo blog: Carmine Colella

lunedì 26 aprile 2010

Illusione ottica: L'illusione dei serpenti che ruotano







Con la stupefacente illusione ottica dei serpenti che ruotano vi mostriamo, ancora una volta, quanto sia facile ingannare la nostra visione e vi spieghiamo i segreti meccanismi che entrano in gioco in questo caso particolare!

Anche se già a queste dimensioni dovreste notare il particolarissimo effetto ottico che caratterizza questa illusione, vi consigliamo di ingrandirla, cliccandoci sopra, per renderlo più evidente!

Muovendo il vostro sguardo sull'immagine avrete una tale impressione che i serpenti ruotino che sarete tentati di credere che si tratti di una animazione, ma non è così, l'immagine è statica, come abbiamo detto, è la vostra visione ad ingannarvi!

Per accertarvi che l'immagine sia statica provate a fissare un solo serpente e vi accorgerete che non si muove. Questo avviene perché nell'illusione è coinvolta prevalentemente la visione periferica e voi state fissando quel serpente con la visione centrale!

L'illusione, creata nel 2003 dal professore Akiyoshi Kitaoka dell'università di Kyoto, è causata da due meccanismi intrinseci alla nostra visione combinati tra loro: Movimenti fissativi dell'occhio e gestione delle differenze di luminosità!

Analizziamo i due aspetti separatamente:

I movimenti fissativi servono a non esaurire i fotorecettori di una determinata zona di retina e consistono nello spostare continuamente lo sguardo con dei piccoli movimenti. Normalmente questi movimenti vengono ignorati dal cervello che, per farlo, utilizza dei punti di riferimento, ma, visto che in questa immagine non ci sono punti di riferimento, i movimenti vengono percepiti!

La gestione delle differenze di luminosità è effettuata elaborando prima le zone più luminose, perché provocano un'eccitazione dei neuroni più forte, poi quelle meno luminose. L'effetto è evidente solo nella visione periferica, a causa della sua bassa risoluzione. Questo diverso tempo di arrivo dell'eccitazione neuronale alla corteccia cerebrale viene elaborata da quest'ultima come un movimento!

La combinazione dei due effetti è data dal fatto che i movimenti fissativi, ora evidenti al cervello a causa della mancanza dei punti di riferimento, incrociano le differenze di luminosità dell'immagine, potenziando l'illusione ottica del movimento!

Il concetto può essere un pò complesso, ma questo non toglie nulla al fascino straordinario di questa stupenda illusione ottica!

2 commenti:

  1. Ciao Anonimo, non capisco cosa tu intenda, puoi spiegarti meglio? Ti assicuro che se ingrandisci l'immagine vedrai i serpenti ruotare.

    RispondiElimina