Dallo stesso autore di questo blog:

lunedì 19 gennaio 2015

Come essere liberi anche senza il permesso degli altri





Spesso siamo convinti che la nostra libertà dipenda da quello che fanno gli altri, dalle condizioni in cui viviamo o dal luogo dove siamo nati. Certamente questi fattori possono influenzare la nostra vita, ma non condizionarla, se non siamo noi ad accettarlo.

La prima cosa che devi capire è che nessuno può importi assolutamente nulla. Proprio nessuno? Sì, proprio nessuno. 

Anche quando pensi di essere costretto a fare qualcosa, a compiere certe azioni o prendere una decisione, in realtà non lo sei: tu stai scegliendo liberamente cosa fare. Perché quello che stai leggendo sembra assurdo? Perché pensiamo di essere liberi solo se possiamo ottenere quello che vogliamo. In realtà la libertà sta nel decidere cosa fare, nella scelta, e non nelle sue conseguenze.

Chiunque potrebbe convincerti con la forza a dire cose in cui non credi. Ovviamente questa la consideri una situazione in cui non sei libero. In realtà le cose non stanno così: potresti non dire quelle cose? Certo, ma dovresti assumerti la responsabilità di questa scelta.

Il problema è che noi siamo sempre liberi di scegliere, anche nelle situazioni estreme, ma non ci piace dover fare i conti con le conseguenze delle nostre decisioni. Così, invece di renderci conto che stiamo facendo una scelta, preferiamo considerare gli altri, o le situazioni che viviamo, colpevoli di quello che poi facciamo noi. 

Così accusiamo i nostri figli per il tanto lavoro che facciamo “per loro”, o il nostro partner per aver rinunciato a un nostro sogno “per lui”. È colpa delle tasse se evadiamo il fisco, colpa delle persone disoneste se abbiamo deciso di non fidarci più degli altri. Così è facile: siamo vittime della cattiveria o degli errori degli altri. 

Tutti attorno a te rubano, ma se la fai anche tu, è perché lo scegli. Le tasse sono effettivamente tante, eccessive, ma evadere è una scelta. La gente è davvero spesso egoista, ma tu scegli se avere fiducia in chi dimostra di meritarsela o no. A casa è indispensabile portare uno stipendio, ma non è colpa dei tuoi figli se decidi di lavorare 10 ore al giorno.

Quello che voglio farti capire è che la libertà di fare o non fare qualcosa l’hai sempre. Se ti minaccio di darti uno schiaffo se parli, non per questo sei costretto a fare silenzio: potresti parlare se volessi, accettando di subire un colpo da me. Pensa ai regali che ci vediamo costretti a fare per le persone care. Anche in questo caso siamo liberi di non farli, nemmeno per una ricorrenza speciale: basta assumersi la responsabilità di questa scelta, consapevoli che gli altri potrebbero non gradirla.

Ecco il vero problema: gli altri non accetteranno le nostre decisioni, le attaccheranno, ci criticheranno per le nostre scelte. A noi non piace, a te non piace, e quindi fai quello che tutti troveranno giusto, ma non dici che lo hai scelto, è più comodo sostenere che non avevi scelta. Eppure quella scelta c’è sempre.

Inizia a osservare tutte le situazioni in cui di solito diresti “non posso!”. Osservale bene e chiediti: cosa potresti fare di diverso? Ti assicuro che in qualsiasi situazione hai sempre almeno due possibilità: dire o non dire, fare o non fare, accettare o rifiutare. Spesso, poi, di possibilità ne avrai anche di più. 

Ma tutte queste possibilità ci saranno comunque, che tu le veda o no. La realtà è che sei libero di andare a destra o a sinistra. Sempre. Spesso questa scelta comporta difficoltà, incomprensione degli altri, ostilità o sfiducia. Ma questa scelta sarà sempre tua. Puoi scegliere e anche se decidessi di non farlo, sarebbe comunque una scelta.

Immagina di dover decidere se alzarti dalla tua sedia o restare seduto dove ti trovi. Puoi decidere una delle due, oppure pensare di non voler scegliere. Ma anche non scegliere è una decisione che prendi tu e ha delle conseguenze: resti seduto. Come vedi è impossibile non scegliere. La nostra vita è una sequenza di decisioni continue e ne prendiamo decine ogni ora.

Il segreto per essere liberi non è avere più soldi, potere o prestigio. Il segreto è capire che siamo sempre liberi e possiamo scegliere. Capire che a volte prendere le nostre decisioni è difficile o impopolare, ma anche che tu sei l’unica persona che ha questo potere nella tua vita. Gli altri potranno fare tutta la pressione del mondo su di te, ma alla fine solo tu puoi decidere se cedere o no, se assecondare le loro richieste o rifiutarle. Solo tu.

Forse la più grande libertà consiste nel comprendere qualcosa di ancora più importante: anche se qualcuno controlla il tuo corpo e ti costringe con la forza a stare dove non vorresti, non potrà mai controllare i tuoi pensieri, le tue emozioni. Nel suo libro “La forza di amare”, Martin Luther King esprime in modo magnifico questo concetto quando invita a rispondere alle bombe con amore e comprensione. Nemmeno la violenza subita, le botte o le minacce di morte hanno il potere di controllare le tue emozioni.

Essere liberi significa questo, vuol dire avere il totale controllo di te, decidere cosa farai e se lo farai, come, quando, come affrontare le sfide della vita, se con entusiasmo o disperazione, decidere come reagire alle scelte degli altri. Siamo sempre liberi di scegliere. Ovviamente il discorso è molto complesso e articolato. 

Ma ecco cosa puoi sempre scegliere:

·         Cosa provare in qualsiasi momento, cioè le tue emozioni.

·         Cosa pensare di quel che accade o fanno gli altri, cioè i tuoi pensieri.

·         Come vivere, come agire, come comportarti, cioè il tuo carattere.

·         Se essere felice della tua vita oppure no, perché la felicità è una scelta.

·         Se credere nelle tue capacità, a dispetto dei risultati, perché anche la tua autostima è una tua scelta.

·         Se vivere una vita ricca d’amore oppure no, perché addirittura l’amore è una tua scelta.

Come vedi hai una libertà immensa, in questo preciso momento, e niente o nessuno possono privarti di questa tua capacità di scegliere. Forse non ci avevi mai pensato, o forse non sapresti come utilizzarla o cosa fare per cambiare la tua vita adesso che sai di essere libero ed avere un potere così grande. Quello che ti consiglio di fare è iniziare a utilizzarla tutta.

Da ora fai questo esercizio: alla prossima occasione in cui ti senti costretto a fare qualcosa, o a non farla, in cui pensi “non posso”, fermati. Osserva bene la situazione che stavi affrontando e cancella quel “non posso” o quel “sono costretto”. Hai due possibilità: 

·         Non vuoi, perché non ti piace cosa succederà, perché preferisci altro, insomma, perché scegli diversamente.

·         Non riesci, perché ti manca qualcosa e non hai tutti gli strumenti per agire.

Nel primo caso hai fatto una scelta. Libera. Nel secondo devi capire come acquisire quel che ti manca, dove imparare quello che non sai. Ho creato un video in cui ti spiego meglio questo esercizio dandoti spunti concreti per agire:



Questo ovviamente è solo il primo passo per prendere coscienza della tua libertà e iniziare ad assumertene la responsabilità. Se non lo fai la situazione non cambia: resti comunque tu a scegliere e tu ad essere responsabile della tua vita. Però non ne sei consapevole e vivi con la sensazione di essere controllato dall’esterno e con la passività di chi si vede sempre vittima e mai attore protagonista.

A te la scelta.

Giacomo Papasidero - Mental Coach

Diventarefelici.it

martedì 8 luglio 2014

I problemi di coppia possono influire sulla seduzione… ecco come fare!




I problemi di coppia sono negativi per una relazione, ma anche per la seduzione sia durante la storia che nel momento in cui vorremmo conquistare un altro uomo… Come possiamo fare a risolverli?
Queste problematiche che si presentano tra uomo e donna possono influire negativamente sulla seduzione ma possono anche essere curati grazie ad essa. Questa è la prima cosa da sapere per non lasciarsi andare alla disperazione, per non chiudere una relazione e per non limitarsi all’inizio di una nuova frequentazione.
La seduzione è potente. Ma anche i problemi di coppia. Tuttavia è importante imparare a bilanciare il tutto e a vedere le cose sotto un punto di vista diverso. Questo ci permetterà sicuramente di risolverli continuando a sedurre il partner, ma anche di evitarli. Cominciamo a trovare una soluzione?
A volte vorresti strozzare tuo marito o il tuo partner, a volte gli uomini ti fanno passare la voglia di sedurli… Vorresti evitare di ritrovarti punto e a capo, con gli stessi problemidi coppia e nello stesso circolo vizioso da cui poi non sai uscire… Sono tutte cose strettamente collegate e che possono essere risolte con la stessa seduzione. Ma come?
Innanzi tutto è bene sapere che le coppie con una maggiore affinità sessuale, hanno meno problemi anche sotto altri aspetti. Si tratta di un dato di fatto: il sesso unisce molto due persone. Quindi, il primo passo per evitare la maggior parte dei problemi di coppia o alleviarli, è quello di usare la seduzione in camera da letto. Impazzire e fare impazzire il proprio uomo è il primo segreto per far andare bene una relazione o per indebolire i problemi sul nascere, in modo da eliminarli con facilità.
Quindi, in realtà, la seduzione è un potere che puoi usare per aumentare la sintonia con il tuo uomo. Anche per questo è importante non lasciare che le incomprensioni tolgano lo spazio al sesso o che inibiscano le tue doti seduttive. Questo peggiorerebbe solo la situazione. Partire con il presupposto che tu, come donna, puoi fare molto in questo senso, potrà darti un senso di libertà in più anche quando si tratta di nuove relazioni. Così smetterai di aver paura di infilarti nelle solite discussioni e problematiche con gli uomini…
In caso si tratti di una relazione già avviata, il punto è lo stesso: se vuoi che la tua relazione superi i problemi, non lasciare da parte il sesso. Continua a sedurre il tuo uomo ogni giorno e vedrai che anche i suoi atteggiamenti che “odi” si placheranno, perché lui sarà meno stressato, meno nervoso e più soddisfatto.
Se ci pensi bene, lo stesso vale per te: ogni volta che hai un buon sesso, sei più rilassata, non è vero? Di conseguenza i disagi creati all’interno della coppia passeranno in secondo piano e non si prenderanno l’importanza che non meritano… Anche perché a volte, se ci pensi, le discussioni si creano per cose davvero infime e diventano più grandi di quello che sono!
Utilizzare la seduzione e la complicità sessuale, è uno dei migliori metodi che andrebbero usati fin dall’inizio di una relazione… perché sono anche in grado di prevenire la maggior parte dei problemi di coppia.
Ovviamente ci sono anche altre cose da tenere in considerazione prima di iniziare una storia con un uomo e quando la relazione è già avviata. Una di queste è sicuramente la capacità di lasciarsi liberi di avere i propri spazi personali.
Questo significa avere le proprie passioni in comune ma anche quelle da coltivare separatamente. Questo piace ad un uomo e quindi lo seduce agli inizi di una relazione. In secondo luogo crea e mantiene un rapporto sano, in cui entrambi vi sentirete liberi e non soffocati.
Mantenere i propri spazi non solo eviterà molti problemi di coppia e di insofferenza, ma vi permetterà di aumentare la comunicazione tra voi… La mancanza di questo fattore riesce a separare molte coppie. Invece, mantenendo i vostri spazi personali, avrete più cose da dirvi e da condividere. In più, stando un po’ separati, aumenterà anche il desiderio e la voglia di stare insieme.
A sua volta, la comunicazione, non solo vi eviterà di creare i problemi di coppia, ma vi aiuterà a conoscervi meglio al fine di essere in grado di trovare sempre dei compromessi (altra cosa importante che aiuta sia nelle prime fasi della seduzione che anche dopo mesi o anni di relazione).
Ad ogni modo, è fondamentale rendersi conto che ogni rapporto ha i suoi alti e bassi, ma bisogna imparare a gestire i dossi e mantenere vivo il sentimento. Per fare questa cosa è importante continuare a sedurre un uomo e ad ammaliarlo (in questo modo è molto probabile che lui farà lo stesso con te).  Non si tratta di manipolazione ma semplicemente di sapere come comportarsi con un uomo. Sembra poco etico ma, in realtà, quando si tratta di relazioni è questo che accade ed è la seduzione costante che cambia il modo di vivere un rapporto, indipendentemente dal tempo che passa.
Per quanto riguarda i problemi di coppia, anche il linguaggio del corpo può aiutare. Il contatto visivo durante una conversazione, può aiutare non solo a far capire all’altra persona che la stiamo ascoltando, ma può anche permetterci di recepire le sue emozioni. E questo è utilissimo sia per conoscere meglio un uomo durante la seduzione che per continuare a farlo anche dopo che la relazione è avviata.
Come vedi, questi sono gli atteggiamenti che bisognerebbe mantenere all’interno di una coppia. Questi suggerimenti sono utili per contrastare e risolvere i problemi di coppia, ma anche per farli regredire come è giusto che sia. Per quanto riguarda invece le prime fasi della seduzione sono in grado di alleviare o evitare alcune problematiche che potrebbero sorgere con il tempo.
Ad ogni modo non dimenticare che ogni relazione ha le sue problematiche… perché siamo tutti diversi! Quindi un minimo di discussioni dovranno esserci e, la maggior parte di esse, ci aiuteranno a conoscerci meglio. Ma se non fosse così ci annoieremo a morte!
Quindi non cercare il rapporto perfetto ma viviti la persona che hai al tuo fianco. Non mollare un uomo perché avete dei problemi di coppia… Continua con la seduzione ed il sesso e poi vedrai che il vostro modo di interagire cambierà in meglio!!
Articolo realizzato da Alessandro di ArteSeduzione.it

domenica 29 giugno 2014

La tua vita è fatta di attimi, usali tutti perché non puoi conservarne nessuno





Devo assolutamente dirti una cosa che forse ti stupirà: tu sei incredibilmente ricco!
Se pensi che io stia parlando di denaro o di altri beni materiali devo deluderti perché quello a cui mi sto riferendo è molto più sottile, ma infinitamente più prezioso: il tuo tempo! Hai passato la tua vita a cercare di accumulare ricchezze, ma hai lasciato che quella più preziosa, quella che ti è stata donata al momento della nascita, quella tua di diritto, ti scivolasse via tra le mani. Io sono qui per dirti che è arrivato il momento che tu smetta di sprecare l’unica vera moneta esistente al mondo! Il tuo destino ti ha regalato un certo numero di attimi, ma il modo in cui li usi o non li usi dipende solo da te. Se pensi che non usandoli potrai conservarli allora posso solo consigliarti di consultare uno psicologo perché se la pensi così ti stai comportando da pazzo. Se non li userai l’unica cosa  che otterrai sarà che un giorno te li porterai nella tomba. Sai qual è il primo attimo che devi usare? Questo! L’hai fatto? Hai fatto qualcosa di utile in quest’attimo? Se non l’hai fatto fallo adesso e non fermarti più, non farlo mai più e scoprirai di avere un potere incredibile del quale non avevi mai nemmeno sospettato l’esistenza. Usa i tuoi attimi per combattere, per vincere e per vivere. Agisci in questo modo, non sprecare più nemmeno un secondo della tua preziosissima vita e ti prometto che niente ti sarà più negato. All’inizio ti sembrerà difficile, ma poi, quando ti renderai conto di stringere finalmente forte la vita tra le mani, una sensazione di potere mista a felicità ti invaderà e, te lo posso assicurare, niente sarà più lo stesso. Ora, prima di lasciarti, devo darti un’altra notizia che forse ti sconvolgerà: non importa quanti anni hai, non importa se sei giovane o vecchio, presto o tardi la fine arriverà! Non ti piace l’idea, vero? Le cose purtroppo stanno così, ma in quel momento ci saranno due possibili versioni di te, la prima avrà sprecato tutta la propria vita rimandano all’attimo successivo quello che avrebbe potuto fare finché l’attimo successivo non c’è stato più, la seconda avrà usato ogni singolo attimo, a partire da questo, per realizzare i propri sogni! Te lo chiedo una sola volta e spero tu ti risponda nel modo giusto: quale delle due versioni di te stesso vorrai essere in quel momento?


Dallo stesso autore di questo blog:

venerdì 20 giugno 2014

Memorizzazione e apprendimento: come migliorarli con il potenziamento a lungo termine



No, non è proprio una tecnica di memorizzazione ciò di cui voglio parlarti oggi, ma un meccanismo fisiologico del tuo cervello, proprio quel magico meccanismo che ti permette di imparare. Non temere, non ti voglio parlare della cosa in termini strettamente scientifici, quello che voglio fare é spiegarti come sfruttare il potenziamento a lungo termine per memorizzare meglio e per sempre. 

Sì, hai capito bene, ho detto "per sempre"!

Procediamo per gradi:

  1. Il potenziamento a lungo termine è la modifica che avviene nella sinapsi (il collegamenti tra un neurone e l'altro) quando questa viene attivata.
  2. Questa modifica porta a un aumento della forza di quella sinapsi.
  3. Più viene attivata frequentemente più il potenziamento è intenso.
Ok, sono stato molto breve sulle spiegazioni scientifiche, ma era fondamentale che te le dessi perché capissi di cosa sto parlando.

Passiamo alla pratica

La prima conseguenza del potenziamento a lungo termine è che più viene ripetuto più un ricordo resta impresso profondamente nella memoria. A questo punto è molto probabile che tu mi dica che lo sapevi già, ma quello che non sai è che questo meccanismo mentale può permetterti di ridurre in maniera considerevole le ripetizioni da effettuare per imparare e ricordare a tempo indefinito.

Il vero segreto è dato dal fatto che ad ogni nuova ripetizione il potenziamento è maggiore e di conseguenza lo è il ricordo, ma questo significa anche che è possibile effettuare la ripetizione successiva più in là nel tempo. Pensa a cosa significa in realtà il fatto che sia possibile spostare un po' più in là nel tempo ogni ripetizione successiva. Nel giro di poco tempo sarai in grado di ricordare per sempre un argomento ripetendolo pochissime volte all'anno. All'inizio le ripetizioni dovranno essere molto ravvicinate per permetterti di fissare il ricordo, ma poi questo non sarà più necessario e potrai usare il tempo in più per apprendere altre cose.

Il mio consiglio è di effettuare le ripetizioni a intervalli crescenti, raddoppiando il tempo intercorso tra le ripetizioni precedenti. Nella pratica quello che segue potrebbe essere uno schema di ripetizione valido:

  • Primo giorno
  • Secondo giorno
  • Quarto giorno
  • Ottavo giorno
  • Sedicesimo giorno
  • Trentaduesimo giorno
Dovrai aumentare gli intervalli fino a un massimo di sei mesi, oltre non ti consiglio di andare perché le stimolazioni delle sinapsi diventerebbero troppo rare e il potenziamento a lungo termine verrebbe meno.
Come vedi in questo modo ti sarà possibile ricordare meglio e per sempre con uno sforzo che diventerà progressivamente minore.

Nell'augurarti buon lavoro ti invito a mettere subito in pratica ciò che hai scoperto sul potenziamento a lungo termine!

Dallo stesso autore di questo blog:

lunedì 16 giugno 2014

Autostima e Motivazione







Sezione di Secret Mind Blog dedicata all'autostima e alla motivazione, nella quale verranno raccolti tutti gli articoli relativi a questi straordinari temi. Qui troverai discorsi scritti e video motivanti, strategie di automotivazione e tanto altro ancora. Nella speranza che il tuo successo possa partire proprio da questo punto ti auguro una buona e proficua lettura.

1) La montagna davanti a te
2) La tua vita è fatta di attimi, usali tutti perché non puoi conservarne nessuno
3) Come essere liberi anche senza il permesso degli altri   (Autore: Giacomo Papasidero)


Carmine Colella

domenica 8 giugno 2014

La montagna davanti a te





- Per la tua motivazione leggi AFORISMI -

Sì, è una montagna quella davanti a te,
pensavi forse che sarebbe stato facile?
Ho una notizia per te:
la vita può andare verso l'alto o verso il basso e
la scelta sulla direzione da prendere è solo tua.
Se pensi che sia una scelta facile
guarda la montagna che ti sta di fronte,
accarezza con lo sguardo i suoi ripidi sentieri,
osserva la cima che si perde alta tra le nuvole e
ascolta il vento che sibila tra le rocce affilate
perché è questo che ti aspetta se deciderai
di affrontare la vita salendo verso l'alto.
Non ti mentirò, non sarà facile, ma se cerchi una strada facile
alle tue spalle c'è la strada in discesa dalla quale sei venuto.
Lì non incontrerai ostacoli, nessuno cercherà di fermarti
e l'oblio ti aspetterà a braccia aperte.
Decidi adesso quale sarà il tuo destino, ma ricorda
che quello davanti a te è il cammino di un guerriero
e non basterà il primo passo per farcela perché
ogni singolo passo richiederà più forza del precedente
e ogni volta sarai costretto a scoprire chi sei.

Carmine Colella